Nuovi tool di messagistica social

messaggistica istantaneaGli ultimi due anni hanno visto il nascere, l’evolversi e la diffusione sempre più capillare di numerose app per la messagistica. Se è ormai conclamato che gli SMS sono poco più di un lontano ricordo, al momento l’offerta vede primeggiare Facebook Messenger, Whatsapp e Telegram, seguiti da Snapchat e molti altri. Anche Periscope, pur non essendo un vero e proprio tool di messaggistica, permette di scambiare messaggi tra un interlocutore (che si mostra in diretta) e tutti i fan che ne seguono l’esibizione.

A questi vanno inoltre aggiunti tutti i vari applicativi per IOS, Android, Windows che hanno finalità non ricreative ma di coordinamento tra lavoratori.

La realtà è che cambiano i tempi, cambiano le mode, ma chattare è una delle pratiche più diffuse dagli albori di internet in quanto soddisfa vari bisogni umani.

Tra le nuove applicazioni va segnalata Signal che ha investito molto sulla sicurezza e ricevuto i complimenti di molti esperti di sicurezza. Whatsapp che è stato finalmente reso più sicuro dall’introduzione di una cifratura end to end. C’è ormai un numero davvero consistente di faccine ed emoticon per whatsapp.

Il software proprietario della mela, iMessage, ha recentemente difeso il diritto alla riservatezza ingaggiando una battaglia legale contro l’FBI. Una nota di demerito va invece a Telegram che, secondo quanto diffuso dal prof. Green, un famoso esperto di sicurezza, ha falle di sicurezza piuttosto consistenti. Ed è un peccato perché dal punto di vista dell’interfaccia l’applicazione è invece molto fruibile e matura a livello di User Experience.

Snapchat offre la simpatica possibilità di inviare messaggi che si autodistruggono, oltre che dalle numerose faccine e filtri grafici. Skype è stata fino ad oggi sempre più orientata alla comunicazione professionale, ma pare che prossimamente vedremo dei cambiamenti a riguardo.

Facebook Messenger non ha bisogno di presentazioni. Per quest’app si stanno diffondendo anche bot e bot con intelligenza artificiale, inoltre le ultime release hanno permesso di integrarla con gli SMS e ha anche il vantaggio di essere estremamente diffusa. Zuckemberg ha dichiarato che Whatsapp diverrà sempre più orientato verso chi ha connessioni lente e FB Messenger più pensato per diventare il punto di riferimento.

Infine Google con Hangout si è ritagliato la sua nicchia ma appare in vistoso ritardo rispetto ai concorrenti. Vedremo cosa ci riserverà nel prossimo futuro.

Oltre a questi esistono un’infinità di app che offrono servizi di messaggistica istantanea, molti dei quali integrati in servizi di Dating e simili. Del resto.. oggi per provarli basta un paio di click.

Leave a Reply